COSA VUOL DIRE ESSERE GRASSI....
  ....e cosa vuol dire ingrassare

Il grasso del nostro corpo è contenuto in una percentuale elevatissima in cellule specializzate, gli adipociti o cellule adipose. Se si osserva al microscopio la parte bianca del prosciutto, si vede che è costituita da tante cellule tonde, le une vicine alle altre come gli acini ben turgidi di un grappolo d'uva. Gli adipociti si trovano sotto la cute, nel tessuto sottocutaneo; quando si ingrassa, è come se ogni cellula si gonfiasse un po' dal momento che aumenta il suo contenuto in grasso, in particolare in trigliceridi. E’ per questo motivo che, quando si ingrassa, il plicometro. (lo speciale calibro che è utilizzato per misurare la percentuale di grasso corporeo), indica che lo spessore della pelle è aumentato.

Altri adipociti si trovano nell'addome. E’ per questo che chi è molto grasso, soprattutto se uomo, ha l'addome prominente (la pancia). Nella donna in età fertile il grasso si accumula preferibilmente nel tessuto sottocutaneo attorno a cosce e fianchi. Ciò che scatena l'ingrassamento è l'elevarsi dei livelli dell'insulina nel sangue, determinato dall'innalzamento della glicemia che, a sua volta, dipende soprattutto dall'avere consumato cibi e bevande ad alto indice glicemico, per esempio una lattina di coca o magari  un'abbondante quantità di riso o di patate o di pane o pasta.

Quando si alza il livello dell'insulina, infatti, molte molecole di essa si legano ai recettori che si trovano sulla superficie degli adipociti. Questo fa sì che la membrana degli adipociti lasci entrare le molecole del glucosio (derivate dalla coca, dal riso o dalle patate, dalla pasta o dal pane).  Esse vengono poi trasformate in altri trigliceridi (ossia in grasso) da parte di enzimi  negli adipociti stessi. In altre parole, ogni volta che l'insulina supera un certo livello, inevitabilmente si ingrassa. Nei bambini e nei ragazzi, consumare  spesso  bevande dolci, patatine e merendine, non soltanto fa aumentare il grasso del corpo, ma provoca altresì l'aumento considerevole del numero degli adipociti. Tale aumento si manterrà per tutta la vita con effetti molto negativi per la salute.

Per ovviare a questo , possiamo dire che non è mai troppo presto cominciare ad alimentarsi in maniera corretta ed equilibrata tutti i giorni, modificando anche altri aspetti del nostro stile di vita, intraprendendo quindi una costante attività fisica.

COSA VUOL DIRE "DIMAGRIRE"...
...e rimanere magri   

Si può perdere peso perchè si suda e, dunque, ci si disidrata. Ma l' organismo disidratato è soggetto a disturbi e malattie; ogni volta che si perde sudore, quindi, è bene restituire l'acqua e i sali all'organismo. In ogni caso, perdere acqua non vuol dire dimagrire. Dimagrire significa soltanto una cosa: perdere grasso. Molte diete fanno perdere acqua e, soprattutto, fanno perdere massa magra, ossia prevalente­mente massa muscolare.

Questo vuol dire che fanno diventare deboli e flaccidi. Seguendo i criteri della Zona, invece, si perde soltanto grasso, vale a dire si dimagrisce e basta. Si tenga presente che non si può dimagrire con le pomate, ma soltanto quando negli adipociti avviene la lipolisi ossia quando una molecola di trigliceridi si scinde nelle quattro molecole elementari che lo costituiscono (una di glicerolo e tre di acidi grassi) e che possono così uscire dall'adipocita stesso e andare là dove saranno consumate. Se si corre o si pedala a lungo, con la lipolisi scatenata proprio dall’attività fisica  attraverso cambiamenti ormonali, si rendono disponibili acidi grassi che vengono consumati dai muscoli.

   LA DIETA A “ZONA”


     per una corretta alimentazione.... e per un maggior rendimento nello sport

La dieta a ZONA non è una delle solite diete dimagranti che, nella migliore delle ipotesi, fanno perdere qualche chilo per poi farne riprendere molti di più nel giro di pochi mesi, ma è essenzialmente un modo corretto di alimentarsi e più in generale un corretto stile di vita che permette di influire positivamente ed in maniera duratura sul proprio benessere psicofisico.

Nasce da rigorosi studi scientifici del biochimico americano Barry Sears, oggi convalidati da migliaia di pubblicazioni scientifiche internazionali e che trovano conferme sempre più numerose da parte di studiosi anche in Italia.


Le principali regole della dieta ZONA sono le seguenti:

1) Non stare mai più di 5 ore senza mangiare

2) Fare almeno 5 (o anche 6) pasti al giorno

3) Oltre a prima colazione, pranzo e cena fare almeno due spuntini.

4) E’ fondamentale che ogni pasto principale o spuntino fornisca il 40% delle calorie sotto forma di carboidrati, il 30% sotto forma di proteine  ed il rimanente 30%  sotto forma di grassi.

5) Svolgere più volte alla settimana una attività fisica moderata ma costante

6) Dedicare alcuni minuti al giorno ad una tecnica di rilassamento


PASTI E SPUNTINI DELLA GIORNATA

 

Qui trovi la tua Dieta Zona personalizzata

 


 

 

 

Seguici su YOU TUBE